Ministero per i beni e le attività culturali

Menu
Sei in: Home / Notizie / News

Un 2019 in crescita per il Polo Museale

Un 2019 in crescita per il Polo museale della Lombardia, che vede aumentare da 1.154.140 a 1.188.793 il numero complessivo di visitatori rispetto al 2018.
All’interno di un trend generalmente positivo, si segnalano alcuni risultati particolarmente soddisfacenti:
• Museo della Certosa di Pavia: +57% (!)
• Cappella Espiatoria, Monza: +48%
• MUPRE, Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica: +27%
• Villa Romana di Desenzano del Garda: +26%
Museo di Palazzo Besta: + 13%
• Museo Archeologico della Lomellina, Vigevano: + 8%
• Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane, Capo di Ponte: + 5%

 

Questi dati confortanti dimostrano come la cura specifica sartoriale messa in campo dal Polo vada a beneficio dei singoli musei, anche i più piccoli, alcuni dei quali hanno conosciuto dei veri e propri boom di visitatori.

 

Allo stesso tempo, mantengono le proprie posizioni da record i musei presenti nella classifica dei trenta musei italiani più visitati nel 2019, la “Top 30 2019”:
• Museo del Cenacolo Vinciano, al 15° posto con 445.728 ingressi
• Castello Scaligero di Sirmione, al 22° posto con 308.459 ingressi

 

Non si tratta di semplici numeri: per usare le parole del Ministro Franceschini, “più incassi vogliono dire più risorse per tutela e ricerca, servizi museali”. Della crescita diffusa beneficiano “non soltanto i grandi musei ma anche i musei più piccoli, meno conosciuti, che vedono un numero di visitatori sempre crescente: questo fa bene alle persone, fa bene ai cittadini e fa bene anche all’economia perché intorno ai musei cresce la ricchezza”.