Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo

Menu
Sei in: Home / Notizie / News

Prime riaperture tra i musei della Direzione

Per il 2 giugno, festa della Repubblica, riaprono in Valle Camonica il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri e il Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo.

Ecco il messaggio che il direttore dei parchi e il personale rivolgono ai visitatori:

 

Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri, Naquane

Gentile visitatore,

a partire dal 2 giugno 2020 il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri in località Naquane (Capo di Ponte, BS) riapre per accoglierti e mostrarti alcune tra le più belle e famose incisioni rupestri della Valle Camonica, eredità dei nostri antenati, riconosciute nel 1979 dall’UNESCO come patrimonio dell’intera umanità e quindi di tutto il mondo.

Dopo la fase di emergenza che ha cambiato la vita di tutti, per la riapertura in sicurezza del sito abbiamo pensato a un percorso indirizzato che ti porterà ad ammirare le principali rocce incise presenti nel Parco. Dare un senso al percorso vuol dire anche dargli un significato e acquisire conoscenza.

Rilassati e inizia il tuo viaggio, lento, alla scoperta di questo affascinante luogo.

Guarda il paesaggio e pensa a come è stato trasformato nel tempo dall’uomo.

Ascolta i suoni della natura che ti circonda.

Prova ad immaginare il ritmo del percussore che incideva le lisce superfici di arenaria.

Osserva le rocce e lascia vagare la mente, non avere fretta: la luce gioca un ruolo importante per vedere le incisioni.

Ma non ti spazientire se la giornata è brutta e non le vedi bene.

Puoi sempre tornare a trovarci: noi ci siamo e le incisioni sono qui da millenni.

Buon viaggio!

 

Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo, Capo di Ponte

Gentile visitatore,

a partire dal 2 giugno 2020 il Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo (Capo di Ponte, BS) riapre per accoglierti.

Posto alla base di un’alta parete rocciosa dominata dal massiccio della Concarena, questo luogo ha una storia molto antica ed è legato alla scoperta dell’arte rupestre della Valle Camonica nel 1909. Un patrimonio di immagini incise talmente ricco e variegato che per il suo eccezionale valore è stato riconosciuto nel 1979 dall’UNESCO come patrimonio dell’intera umanità e quindi di tutto il mondo.

Quando sei all’ingresso, fermati e guardati intorno.

Osserva in silenzio il paesaggio che ti circonda.

Qui 5000 anni fa c’era un santuario megalitico.

Segui il percorso di visita: scoprirai come questo luogo è cambiato nel corso dei millenni e come ancora oggi continua a conservare un senso del sacro.

***

Prima di recarvi sui luoghi leggete con attenzione e, se potete, stampate e portate con voi le informazioni e le mappe relative ai due siti: le trovate in allegato qui a fianco.

Buona visita!