Ministero per i beni e le attività culturali

Menu
Sei in: Home / Musei

Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica

Cividate Camuno

Eventi

  • Kid Pass Days al Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica

    Approfondisci »

Il Museo

Il Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica raccoglie e valorizza il patrimonio archeologico di età romana proveniente da Cividate Camuno e dall’intera area. Inoltre, collega i diversi siti archeologici di età romana presenti nei dintorni.

La Storia

Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica

Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica

Cividate Camuno si trova nella media Valle Camonica, a sud di Breno, dove sulla collina del castello sono stati trovati importanti testimonianze dell’antico popolamento della valle: tracce di frequentazione neolitica, resti di terrazzamenti e capanne dell’età del Rame.
Sul finire del I secolo a.C., nell’ambito del processo di conquista e romanizzazione delle Alpi, venne fondata una vera e propria città, nei pressi del fiume Oglio, di cui sono stati riportati alla luce il teatro e l’anfiteatro, gli edifici termali, diversi edifici privati e le necropoli.

Ai piedi dell’altura di Santo Stefano, sempre lungo l’Oglio, si sviluppava l’area forense. Qui sono stati scavati resti di un insediamento preistorico antichissimo, risalente al Paleolitico superiore ma con numerose fasi successive.

L'Edificio

Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica - Gli interni

Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica - Gli interni

Il Museo, inaugurato nel 1981, fu oggetto di ampliamenti nel 2010, con la realizzazione di un nuovo spazio espositivo-didattico, e nel 2011, con la creazione di un nuovo percorso espositivo dedicato al ricco apparato decorativo di una domus scavata nell’area del foro.

La Collezione

Il museo è organizzato in quattro sezioni: il territorio, la città romana, la sala dei ed eroi e le necropoli. Completa il percorso una sala dedicata alle forme dell’abitare negli insediamenti minori.
Reperti di straordinaria importanza sono le due grandi statue che dominano la Sala dedicata agli dei e agli eroi: la statua della dea Minerva e una statua rinvenuta nell’area forense di Cividate Camuno nel 2004, rappresentante un personaggio maschile ritratto in posa eroica.
Nel giardino esterno sono collocati elementi architettonici di grandi dimensioni provenienti dall’area del foro e dagli edifici da spettacolo.

  • Statua della Minerva Hygeia

    Statua della Minerva Hygeia

    La statua rappresenta Minerva, la divinità più importante nella Valcamonica romana. Risalente probabilmente all’età augustea, fu ritrovata nel 1986 a Breno, in un santuario dedicato alla dea. La sua tipologia è quella dell’Athena Hygeia di tipo fidiaco, di cui si conserva però solo l'elmo con Sfinge.

  • Mosaico

    Mosaico

    Pavimenti a mosaico, databili fra I e II secolo d.C., provengono dalle terme pubbliche della città. Il primo è più semplice, con motivi geometrici a tessere bianche e nere; il secondo presenta anche tocchi di arancione e marrone, con motivi più complessi, fra cui il nodo di Salomone, simbolo di alleanza e unione.

  • Porta in legno

    Porta in legno

    Reperto eccezionale è la porta in legno dalla casa di Pescarzo di Capo di ponte. Databile fra II e I secolo a.C., è costituita da tre assi in legno di larice affiancate. Si tratta di una delle porte antiche meglio conservate in tutto l’arco alpino.

  • Statua d’eroe

    Statua d’eroe

    La statua in marmo locale è stata rinvenuta nel 2004 nell’area forense della città romana. Rappresenta un personaggio maschile, forse Druso Minore (15 a.C.-23 d.C.), ritratto in posa eroica secondo lo schema delle immagini degli imperatori o dei personaggi di rango imperiale del I sec. d.C.

  • Placchetta da Breno-Spinera

    Placchetta da Breno-Spinera

    Databile al V sec. a.C., il pendaglio-amuleto è costituito da una placchetta di bronzo raffigurante una figura schematica su barca solare con terminazione a testa di uccello acquatico. Carico di forti significati simbolici, raffigura forse l’immagine della divinità femminile indigena connessa al culto delle acque.

  • Il tesoretto di Braone

    Il tesoretto di Braone

    Costituito da nove monete d’oro (solidi), fu trovato casualmente a Braone nel novembre del 1956 all’interno di una custodia di piombo. Le monete si datano tra la fine del V e l’inizio del VI secolo d.C.

Indirizzo

Via Roma, 29
25040 Cividate Camuno

Proprietà

Ente MiBAC

Tipologia

Museo, galleria non a scopo di lucro e/o raccolta

Informazioni

Direttore: Direzione non assegnata, in capo al Direttore del Polo.
+39 0364 344301
museoarcheologico.vallecamonica@beniculturali.it
www.museoarcheologico.valcamonicaromana.beniculturali.it
Carta dei servizi
Planimetria

Maggiori informazioni

Informazioni

ORARI

Lunedì: chiuso
Martedì: 8.30 – 19.00
Mercoledì: 8.30 – 19.00
Giovedì: 8.30 – 19.00
Venerdì: 8.30 – 19.00
Sabato: 8.30 – 19.00
Domenica: 8.30 – 14.00

Chiusura biglietteria: 30' prima

Altre informazioni: Chiusura: Lunedì (non festivo) o martedì successivo al lunedì festivo, 1 Gennaio e 25 Dicembre, salvo diverse indicazioni trasmesse dal superiore Ministero dei beni e delle attività culturali. Per le aperture straordinarie consultare la sezione Notizie di questo sito, oppure il sito MIBAC e i social network ufficiali del Museo.

Indirizzo

Via Roma, 29
25040 Cividate Camuno

Come arrivare

IN TRENO: la Valle Camonica è servita da una ferrovia regionale (appartenente alla società ferrovie TreNord), che collega la stazione FS di Brescia a Edolo (alta Valle) passando per Iseo e Darfo Boario Terme. La stazione è Cividate-Malegno. IN AUTOBUS: vi è un servizio di pullman da/per Brescia, Bergamo e Milano (Linea BS1 Sesto S. Giovanni - Ponte di Legno ). IN AUTO: autostrada A4 Milano-Venezia uscire a Seriate, quindi procedere in direzione Lovere e proseguire lungo la SS 42 in direzione Passo del Tonale fino all'uscita Cividate Camuno. Autostrada A4 Venezia-Milano uscire a Brescia Centro o a Brescia Ovest e proseguire lungo la tangenziale Sud in direzione Lago d'Iseo e quindi lungo la SP 510 direzione Passo del Tonale fino all'uscita Cividate Camuno. Da Brescia, procedere seguendo le indicazioni per Lago d'Iseo, Vallecamonica, Passo del Tonale lungo la SP 510 fino all'uscita di Cividate Camuno.

Contatti

+39 0364 344301
www.museoarcheologico.valcamonicaromana.beniculturali.it
museoarcheologico.vallecamonica@beniculturali.it

Biglietto intero

Ingresso gratuito

Accessibilità

Il Museo è privo di barriere architettoniche e offre adeguati spazi per accesso di visitatori con ridotte capacità motorie, per i quali è praticabile l’accesso sul retro. Nel Museo sono individuati e indicati i percorsi sicuri di uscita e sono presenti sistemi di sicurezza per cose e persone. All’ ingresso e lungo tutto il percorso museale è presente una segnaletica di orientamento.

Parcheggio

All'esterno del Museo sono presenti parcheggi gratuiti

Servizi igienici

Sono a disposizione servizi igienici, anche dotati di fasciatoio

Guardaroba

All'ingresso sono collocati degli armadi-guardaroba